Tipi di Tappeti —> Tappeti Caucaso

Area di Ganjè

Ganjè è un importante centro mercantile, dove confluisce e viene smerciata la maggior parte dei Kazak. Ma la città, insieme ad alcuni luoghi limitrofi, non si limita al commercio dei tappeti, poiché possiede una produzione locale dalle connotazioni molto varie.

Caratteristiche Tecniche e materiali

Si realizzano soprattutto manufatti dal caratteristico formato allungato, con rasatura alta e annodatura simmetrica.
Gli esemplari possiedono in genere una particolare consistenza floscia e pesante.

Caratteristiche Iconografiche

In molti aspetti i Ganjè risentono dell'influenza dei più rinomati Kazak, di cui frequentemente riprendono i disegni. Gli esemplari più numerosi e anche meno originali hanno il campo ornato da una o due file di medaglioni ottagonali con profilo uncinato o scalare, simili ai Kazak con gul di Memling. Invece lo schema compositivo più peculiare della zona prevede una distribuzione di fasce policrome diagonali o verticali dette mohramat, vivacemente decorate da motivi floreali, fra cui piccoli boteh. Ricorrente è anche lo schema compositivo ad albero della vita, dal disegno stilizzato e molto simile alla produzione di Baluchi della Persia. La bordura principale può avere piccoli motivi scalari, ottagoni, o decori che si rifanno a geometrismi d'ispirazione floreale.
A nord di Ganjè la cittadina di Fachralu ha dato il suo nome a un gruppo di tappeti, talvolta ricordati anche con il termine di "Ganjè Kazak", poiché simili ai Kazak. Il loro impianto più ricorrente prevede la rappresentazione di medaglioni, uno solo al centro, oppure due o tre sovrapposti, a volte contornati da uno schema a nicchia estremamente stilizzato. Lo sfondo è generalmente blu o rosso e in qualche caso verde.

Colori

Anche i Ganjè si distinguono per la particolare e gradevole policromia che, seppur vivace, risulta composta da una tavolozza più chiara e luminosa rispetto a quella dei Kazak. Per i disegni le tinte ricorrenti sono il blu, il verde, il giallo, l'azzurro, il beige, il nero e il marrone.