Tipi di Tappeti —> Tappeti Turchi

Tappeti Ghiordes

tappeti ghiordes

Per molti secoli la cittadina di Ghiordes ha fatto scuola in tutta l'Anatolia per l'annodatura dei tappeti a preghiera, tanto noti da essere oggi imitati sia in altre zone della Turchia, sia in Persia.

Caratteristiche Tecniche e materiali

I Ghiordes d'epoca si caratterizzano per alcune peculiarità strutturali, fra cui il ricorrente uso delle lazy lines, che prevede il variare del colore della trama in corrispondenza del mehrab, per conferire al cromatismo una maggiore uniformità. Questo espediente esecutivo è ben identificabile sul rovescio del manufatto, poiché le trame di differenti tinte costituiscono una sorta di zig-zag. Vengono annodati con il tipico nodo turco simmetrico, che prende il nome proprio da questa località.

tappeto ghiordes Caratteristiche Iconografiche

Tutti i più rari e pregiati esemplari Ghiordes del Seicento e del Settecento presentano sul campo un imponente mehrab retto da colonne, con la tradizionale lampada pendente al centro. Due rettangoli, alla base e alla sommità della nicchia, sono abbelliti da disegni floreali, che decorano anche la larga bordura. Nel corso dell'Ottocento l'impianto si è modificato, riducendo innanzitutto le dimensioni del mehrab,
dove in genere è scomparsa la lampada, talvolta sostituita da mazzi di fiori. Piccoli garofani sono stati utilizzati al posto delle colonne e hanno costituito spesso una specie di elegante perimetro all'interno della nicchia. La sviluppata bordura ha visto il prevaere di raffinati disegni naturalistici piuttosto stilizzati e propone spesso la tipica struttura denominata cubukli, con sette sottili cornicene a colori contrastanti che, secondo la tradizione religiosa, rappresentano i sette livelli del paradiso islamico.
Risalgono al secolo scorso i Kiz-Ghiordes di maggior pregio, che una tradizione ritiene annodati dalle ragazze nubili come parte della loro dote nuziale. Sono una raffinata interpretazione dello schema a doppia nicchia, con al centro un superbo medaglione a losanga, reso molto armonioso nel profilo da decori floreali e a viticcio.
tappeti turchi ghiordes Sullo sfondo monocromatico delle nicchie si distribuiscono talvolta piccoli disegni neri, detti "mosche". Presentano una larga bordura eseguita a fasce zigzaganti, di colore spesso chiaro che ricorda le bordure di tappeti caucasici Borcialù.
Dalla metà del secolo scorso il barocco francese introdotto dal sultano Abdul Mejid I ha influito sulla produzione di questa zona, dando l'avvio a un gusto floreale imitato anche al nostri giorni. Si ottengono così tappeti dal campo di una sola tinta, decorati con bouquet oppure fiori; dell'antica nicchia dei tappeti d'epoca rimane solo il profilo.
Attualmente è stata ripresa anche una produzione che, nei disegni, imita gli antichi tappeti a preghiera, utilizzando però trame in cotone e chiassosi colori artificiali, ben diversi dai raffinati colori pastello dell'epoca d'oro.

Colori

I manufatti di Ghiordes si distinguono per la vasta gamma di colori contrastanti o pastello, che spaziano dall'avorio al verde, dall'azzurro, al blu, al rosso e all'arancione. Proprio per questo incanto cromatico i tappeti locali hanno conquistato l'ammirazione degli artigiani persiani di Tabriz, che talvolta hanno tentato di imitarli.