Tipi di Tappeti —> Tappeti Turchi

Area di Melas

tappeti melas

La città di Melas si trova a 200 chilometri da Smirne, non lontano dalle coste egee Grazie alla sua ubicazione, fino al XIX secolo è rimasta abbastanza isolata e perciò non ha risentito di possibili influenze estetiche fiorite nell'ambiente della corte, favorendo l'elaborazione di iconografie e modelli piuttosto originali.

Caratteristiche Tecniche e materiali

Gli esemplari di queste zone sono di solito qualitativamente pregevoli, soprattutto perché sono stati realizzati rispettando l'accuratezza formale dell'artigianato domestico. In alcuni tappeti ci sono larghe testate d'armatura a kilim baft, con sfondo rosso.

Caratteristiche Iconografiche

L'area è innanzitutto famosa per particolari tappeti a preghiera rigorosamente geometrizzati, con l'arco del mehrab molto appuntito e definito perciò "a punta di freccia". Il campo su cui si staglia la nicchia è di un intenso rosso mattone, che contrasta con la parte superiore bianco avorio e decorata da fiori stilizzati, secondo il motivo denominato hatayi. Questo termine in turco significa "del Catai", dal momento che riproduce il caratteristico fior di loto buddista. Nel secolo scorso la zona era famosa per la realizzazione di esemplari molto particolari, con il campo suddiviso in strisce verticali dai mossi profili a viticcio. Nei disegni alla fine del secolo scorso si diffuse il brutto stile mejid, tutto impostato su barocchi mazzi di rose e fiori carnosi, che soppiantarono gli equilibrati decori locali. Comunemente definito anche barocco turco, il mejid condizionò in modo rilevante l'iconografia di alcune parti della Turchia, influenzando notevolmente anche la produzione di tappeti annodati in altre aree. Nato per imitare gli Aubusson francesi, si allontanava dalla tradizionale sobrietà geometrica o stilizzata tipicamente anatolica, con la realizzazione di tappeti di dubbio gusto. Fu divulgato dal sultano Abdul Mejid I (1839-1861), estimatore così fanatico dell'arte francese al punto da farsi costruire a Istanbul il Dalmaba Palace, una piccola copia di Versailles! Nella zona si realizzano molti esemplari con il campo decorato da boteh dai profili raggiati e una parte a forma di tronco; sono denominati "candele di steppa". Le eleganti rosette che decorano la bordura, in genere costituita da fasce larghe, ripropongono con armonia i vivaci toni del campo.

Colori

L'incanto dei capolavori d'epoca a strisce verticali risiede soprattutto nel colore, poiché ogni zona ha una tinta differente, tutte però molto calde e intense: gialli brillanti, rossi vivaci e il caratteristico viola melanzana. Nell'attuale produzione i Melas non mantengono più il grande fascino del passato, contraddistinti invece da una monotona ripetizione di tonalità meno calde dì rosso, rosa e arancio.